29 Giugno 2020 0
casa-di-Rodi-1200x716.jpg

La Casa dei Cavalieri di Rodi
Una gemma nascosta sotto gli occhi di tutti

Se vi capita di passeggiare fra le meraviglie di Roma e vi trovate a Via dei Fori Imperiali, non potete non essere affascinati da una costruzione con una loggia bellissima nel foro di Augusto: la Casa dei Cavalieri di Rodi.
L’edificio fu fatto costruire da Augusto per difendere la zona dei Fori dalla vicina Suburra a causa dei numerosi incendi, molto frequenti nel rione.

Successivamente vi furono molti terremoti e nel medioevo sulle rovine del tempio di Marte Ultore venne costruito il monastero dei monaci Basiliani e la relativa Chiesa.

Verso il 1230 l’intero edificio fu incorporato ad una proprietà dei Cavalieri dell’Ordine Ospedaliero di S. Giovanni di Gerusalemme, detti anche di Rodi e di Malta; nel 1466, quando fu priore romano dell’ordine il cardinale Marco Barbo, nipote di Paolo II, subì grandi opere di ristrutturazione.

La Casa dei Cavalieri di Rodi fu temporaneamente abbandonata nel 1566 dai Cavalieri quando si trasferirono nel complesso di S.Maria del Priorato: dove si trova il famoso portone dalla cui serratura si vede la cupola di San Pietro.
Fu allora che Pio V insediò nell’antico priorato un convento di suore domenicane Neofite, così dette per avere la missione di convertire al cattolicesimo le fanciulle ebree. Queste, tamponarono gli archi della grande loggia verso il foro, ricavandone due piani di dormitori. Di queste modifiche restano evidenti le tracce, verso i Fori, nei segni d’appoggio dei tetti al grande muro della Suburra, e verso via Tor de’ Conti nelle finestre e portali che vi furono ricavati.

Tra il 1924 ed il 1932, questa zona fu interessata dai lavori di demolizione che portarono all’apertura di Via dei Fori Imperiali. Furono eliminate le strutture medievali del quartiere Alessandrino, il monastero di San Basilio ed il cinquecentesco Convento delle Domenicane della SS. Annunziata che avevano sede nella Casa stessa, trasferitosi nel Rione Monti.

 

Casa dei Cavalieri di Rodi

La Casa dei Cavalieri di Rodi divenne proprietà comunale dal 1946 e fu concessa in uso al Sovrano Militare Ordine di Malta che, riconosciuto come stato sovrano da 80 nazioni nel mondo, si occupa di assistenza ospedaliera e opere caritatevoli.

Si accede all’edificio dalla Piazza del Grillo, appena entrati a sinistra troviamo una cappella dedicata a San Giovanni Battista protettore dell’Ordine. La Cappella Palatina, di epoca moderna, ha tre navate con colonne di travertino ed un altare realizzato con marmi colorati ricavato in fondo in una nicchia con il busto bronzeo del Santo, il tabernacolo che riproduce in miniatura la Casa dei Cavalieri di Rodi, e delle sculture a cera persa di candelabri a forma di Cavalieri inginocchiati.

Al piano superiore accessibile con una scalinata troviamo due grandi saloni di rappresentanza: il Salone d’Onore e la Sala della Loggetta. Si salgono altre scale e si arriva al secondo piano con la grande loggia che si affaccia sui Fori Imperiali. Alle pareti i resti di numerosi affreschi con medaglioni di imperatori romani e viste di paesaggi con animali ed uccelli, purtroppo molto deteriorati data l’esposizione alle intemperie. Una serie di cinque grandi arcate sulla parte frontale ci permettono una visione suggestiva della grande area archeologica dei Fori Imperiali e del Foro Romano, nonché del Campidoglio e dell’Altare della Patria a Piazza Venezia. Dalle arcate laterali è anche possibile ammirare la possente Torre delle Milizie, una torre difensiva medioevale posta alle spalle dei Mercati di Traiano e più in basso il Palazzo del Grillo.

By Ilaria Imperoli

Les Clefs Dor

 


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.